Home Page Docenti
pix_trasprente
Portale UniorHome PageAggiungi pagina ai preferitiWeb MailStampa la pagina
pix_trasprente
   Italiano - English  pix_trasprente
  A+  pix   a-  
pix_trasprente

  Gestione pagine personali docenti

Per gestire la propria pagina personale, gli avvisi in bacheca, i contenuti relativi a insegnamenti, curriculum vitae, pubblicazioni, collaborazioni, temi e link di ricerca.


pix_trasprente
Curriculum vitae

Andrea Manzo è professore associato del settore scientifico-disciplinare L-OR/02 “Egittologia e civiltà copta” e docente di "Antichità nubiane" e "Antichità della Nubia cristiana"

Ha conseguito i seguenti titoli:

Certificat International d'Archéologie Africaine, presso l'Université Libre de Bruxelles nell'a.a. 1990-1991.
Laurea in lettere classiche, indirizzo archeologico, presso l'Istituto Universitario Orientale con la votazione di 110/110 e lode con dignità di stampa il 25/11/1991. Tesi in “Archeologia ed Antichità Etiopiche” intitolata "Origini e sviluppo del circuito commerciale di interscambio del Mar Rosso in età protostorica, III-II mill. a.C.", relatore prof. R. Fattovich, correlatore prof. A. de Maigret.
Borsista del Consiglio Nazionale delle Ricerche presso il Dipartimento di Studi del Mondo Classico e del Mediterraneo Antico dell'Istituto Universitario Orientale di Napoli dal 1/4/1992 al 1/4/1993. Dissertazione finale intitolata "Culture e ambiente: l'Africa nord-orientale attraverso le fonti letterarie e i dati archeologici", relatrice prof.ssa Luigia Melillo Corleto. Parere favorevole sull'elaborato finale espresso dal Comitato competente il 30/9/1993.
Dottore di Ricerca in Africanistica, VIII ciclo, conseguito il 13 luglio 1998 discutendo una tesi dal titolo "Scambi commerciali e contatti culturali lungo il Mar Rosso ed il Nilo tra gli inizi del I mill. a.C. ed il VII sec. d.C.: un modello archeologico", preparata sotto la direzione del prof. R. Fattovich presso il Dipartimento di Studi e Ricerche su Africa e Paesi Arabi dell'Istituto Universitario Orientale.
Titolare di assegno di ricerca dal luglio 1999 al luglio 2003 con un progetto dal titolo “Origini e sviluppo del regno di Aksum”, presso il Dipartimento di Studi e Ricerche su Africa e Paesi Arabi dell’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”.
Ricercatore universitario del settore scientifico-disciplianre L-OR/02 “Egittologia e civiltà copta” in servizio dal 1 ottobre 2008 presso la Facoltà di Studi Arabo-islamici e del Mediterraneo dell’Università di Napoli “L’Orientale”.

Linee di ricerca

I principali interessi sono:

- origine e sviluppo delle relazioni economiche e culturali tra le popolazioni protostoriche dell’Africa nordorientale nell’antichità, con particolare riferimento ai contatti avvenuti lungo la valle del Nilo ed il Mar Rosso;
- origine e sviluppo delle società gerarchizzate nell’Africa nordorientale antica, con particolare riferimento alla Nubia, al Sudan centrale e sudorientale e all’Etiopia settentrionale;
- diffusione, adozione e adattamento di iconografie, tratti stilistici e ideologie nell’Africa nordorientale antica, con particolare riferimento alle forme e decorazioni vascolari di epoca protostorica e storica, alla decorazione architettonica ed alla statuaria napateo-meroitica, pre-aksumita ed aksumita;
- culture antiche delle aree marginali dell’Africa nordorientale, in riferimento anche al ruolo di questi gruppi umani nei contatti tra culture e alle dinamiche d’interazione con le entità statali, con particolare attenzione al Deserto Orientale egiziano-sudanese, al Sudan sudorientale ed alla costa del Mar Rosso;
- rapporto uomo-ambiente e ricostruzione paleoambientale nell’Africa nordorientale, con particolare riferimento allo studio dell’impatto umano sull’erosione dei suolo sull’altopiano etiopico, della desertificazione e dello sviluppo del pastoralismo nel Sudan sudorientale e nel Deserto Orientale egiziano-sudanese e degli adattamenti costieri sulla costa egiziano-sudanese del Mar Rosso.

Campagne archeologiche

- Giugno e luglio 1988 e 1989, scavo di Aquileia (Ud) (Università degli Studi di Trieste, direttori proff. S. Rinaldi Tufi e M. Verzar Bass), periodo romano e tardo-antico, come assistente archeologo;
- Settembre 1989, scavo in località Settefonti (Aq) (Università degli Studi di Pisa, direttrice dr. G. Radi), periodo neolitico, come assistente archeologo;
- Ottobre 1989, scavo nella Grotta della Cala di Marina di Camerota (Sa) (Università degli Studi di Siena, direttore prof. P. Gambassini), periodo paleolitico, come assistente archeologo;
- Settembre 1990, scavo ad Eraclea Veneta (Ve) (Soprintendenza Archeologica del Veneto, direttore dr. S. Salvatori), periodo romano, tardo-antico e medievale, come assistente archeologo;
- Novembre 1990, scavo del sito di Tell el-Farkha, Delta orientale del Nilo (Egitto) (Centro Studi e Ricerche Ligabue di Venezia, direttori prof. R. Fattovich e dr. S. Salvatori), periodo predinastico, protodinastico e Antico Regno, come assistente archeologo;
- Ottobre e novembre 1991, dicembre e gennaio 1992-1993, 1993-1994, 1994-1995, scavo sul sito di Mahal Teglinos, presso Kassala (Sudan) (Istituto Universitario Orientale, direttore prof. R. Fattovich), periodi tardo-neolitico, protostorico, post-meroitico, come archeologo;
- Marzo-aprile 1995, ricognizione sui siti eritrei di Adulis, Tokonda, Kaskase e Kohaito (National Museum of Eritrea, Department of Culture and Information, Asmara), periodi protostorico, pre-aksumita, aksumita e post-aksumita, come direttore responsabile;
- Maggio 1993 e maggio-giugno 1995, 1996, 1997, 1998, 2000, 2001, 2002, 2003, 2005, ottobre 2006, 2007 e 2008 scavo e ricognizione sulla collina di Bieta Giyorgis, presso Aksum (Tigrai-Etiopia) (Università degli Studi di Napoli “l’Orientale” [già Istituto Universitario Orientale di Napoli] e Boston University, direttori proff. R. Fattovich e K.A. Bard), periodi tardo-preistorico, pre-aksumita, aksumita, post-aksumita e medievale, come archeologo e dal 2000 direttore di cantiere;
- Novembre 1996, ricognizione geofisica sul sito di Ona Enda Aboi Zegwe, presso Aksum (Tigrai-Etiopia) (Università degli Studi di Cagliari, direttori proff. A. Vernier e R. Balia), periodi aksumita, post-aksumita e medievale, come archeologo;
- Marzo 2001, dicembre-gennaio 2001-2002, 2002-2003, 2003-2004, 2005-2006, 2006-2007, gennaio 2009 e dicembre-gennaio 2009-2010 ricognizione e scavo del sito di Mersa Gawasis, costa del Mar Rosso (Egitto), (Istituto Italiano per l’Africa e l’Oriente e dell’ Università degli Studi di Napoli “L’Orientale” [già Istituto Universitario Orientale di Napoli], direttore prof. R. Fattovich), Antico, Medio e Nuovo Regno e periodo greco-romano, come direttore di cantiere;
- Maggio-giugno 2005 e 2006, luglio 2008, maggio-giugno 2009, maggio 2011 ricognizione e scavi nella regione di Adigrat (Tigrai-Etiopia), (Simon Fraser University, Burnaby, Canada, direttore prof. Catherine A. D’Andrea), periodi tardo-preistorico, pre-aksumita, aksumita, post-aksumita e medievale, come archeologo e analista ceramico;
- Novembre 2010 scavi e ricognizioni nel Sudan Orientale ('Università degli Studi di Napoli "L'Orientale") siti databili dalla preistoria al tardo-antico, come direttore;
- Febbraio 2011 scavi ad Adulis (Eritrea) (National Museum of Eritrea, Asmara, in collaborazione con il Museo di Rovereto e il Centro Ricerche sul Deserto Orientale) sito databile dalla preistoria al tardo-antico, come archeologo e analista ceramico.

Studio di collezioni archeologiche

- Museo Archeologico Nazionale di Aquileia (1988-1989), collezioni di anforacei e vetri di epoca romana.
- Museo Orto Lapidario di Trieste (1988), collezioni di anforacei, vetri e materiali epigrafici di epoca romana.
- Musée d'Art et d'Histoire, Ginevra (Svizzera) (1990), collezioni di ceramica protostorica nubiana (cultura Kerma).
- National Museum, Khartoum (Sudan) (1992, 1995, 2010), collezioni di ceramica nubiana e del Sudan centrale (cultura Kerma, Neolitico del Sudan centrale, Gezira, epoca meroitica e post-meroitica).
- National Museum, Addis Abeba (Etiopia) (1992, 1995), collezioni di ceramiche protostoriche e storiche (sito di Matara, epoca pre-aksumita ed aksumita), epigrafi sudarabiche e collezioni di anforacei e vetri di epoca romana e bizantina.
- National Museum, Asmara (Eritrea) (1995, 1998, 2004, 2005, 2006), collezioni di ceramiche protostoriche (Ona della regione di Asmara, siti di Adulis e Agordat); collezioni di anforacei e vetri di epoca romana (Adulis) ed epigrafi sudarabiche.
- Archaeological Museum, Aksum (Etiopia) (1993, 1995, 1996, 1997, 1998, 2000, 2001, 2002, 2005, 2006), collezioni ceramiche di epoca aksumita, anforacei e vetri di epoca romana e bizantina, epigrafi sudarabiche.
- Ashmolean Museum, Oxford (Gran Bretagna) (1996), collezioni ceramiche di epoca napatea e sudarabiche.
- Museum of Archaeology and Anthropology, Cambridge (Gran Bretagna) (1996), collezioni ceramiche sudarabiche.
- Petrie Museum of Egyptian Archaeology, Londra (Gran Bretagna) (1995, 2003), collezioni ceramiche protostoriche nubiane (Gruppo A, Gruppo C e Pan Grave).
- British Museum, Londra (Gran Bretagna) (1995, 1996, 2003, 2008, 2011), collezioni ceramiche protostoriche nubiane (Gruppo A, Gruppo C, Kerma e Pan Grave), della Gezira (Jebel Moya), meroitiche, post-meroitiche e cristiane (Soba).
- Musuem of Fine Arts, Boston (USA) (2002), collezioni ceramiche protostoriche nubiane (Kerma).
- Centro Ricerche sul Deserto Orientale, Varese (2010), collezioni ceramiche dal Deserto Orientale sudanese (datazioni varie da epoca pre/proto-storica a quella islamica).
- Department of Geology Addis Ababa University, Addis Abeba (Etiopia) (2004) collezioni archeologiche protostoriche, storiche e medievali da sezioni geologiche della regione di Makalé e dell’Awash.

Applicazioni informatiche

Nell’ambito dei programmi di ricerca del Laboratorio di Archeologia del Dipartimento di Studi e Ricerche su Africa e Paesi Arabi dell’Istituto Universitario Orientale, lo scrivente conduce lo studio dei materiali e l’elaborazione dei dati di scavo con le seguenti applicazioni informatiche:

- Analisi statistiche multivariate (Principal Component Analysis, Correlazioni di Pearson, Cluster Analysis) per l’elaborazione di tipologie e lo studio delle distribuzioni sincroniche e diacroniche di materiali e tratti stilistici;
- Genetic Programming per l’individuazione di correlazioni tra diverse categorie di variabili culturali, ambientali ed economiche;
- Geographic Information Systems per le analisi territoriali;
- Programmi per la calibrazione e valutazione delle datazioni radiometriche e la loro correlazioni alle datazioni storiche;
- Programmi di applicazione delle reti neurali al data mining;
- Programmi di ricostruzione 3D con effetti “walk through” finalizzati alla ricostruzione del paesaggio e dei monumenti antichi.

In particolare, l’uso del Genetic Programming per lo studio di problemi storici ed archeologici e quello dei programmi di neural network hanno carattere sperimentale e sono tra le prime applicazioni di tale tipo in ambito archeologico.
Dal luglio 2003 al luglio 2005 è stato consulente del progetto “Archaeozone”, un portale per l’archeologia, del Centro Interdiparimentale di Servizio di Archeologia dell’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”.

Incarichi didattici

- Da marzo a maggio 1995 ha avuto un incarico di addestramento del personale del National Museum, Asmara (Eritrea) alla metodologia della ricerca archeologica, gestione del patrimonio culturale, schedatura e censimento di reperti archeologici (con esercitazioni pratiche sul terreno).
- Nel marzo 1996 ha svolto un seminario sulle culture protostoriche del Sudan orientale e sui loro rapporti con Nubia ed Egitto, tenuto nell'ambito del corso di "Antichità Nubiane" tenuto dalla prof. B.A. Barich, Università di Roma "La Sapienza".
- Nel gennaio 1999 ha svolto un modulo su “Analisi territoriali delle missioni archeologiche dell’IUO in Sudan e Etiopia” nell’ambito del Corso di perfezionamento in “Nuove Metodologie per l’individuazione, la catalogazione e lo studio delle preesitenze archeologiche nel territorio”, Centro Interdipartimentale di Servizio per l’Archeologia, Istituto Universitario Orientale di Napoli.
- Nell’a.a. 2002-2003 è stato titolare del corso di “Archeologia ambientale” nel Master in “Tecniche geoarcheologiche per la gestione del territorio e la tutela del territorio culturale” dell’Università di Roma Tre.
- Nell’a.a. 2002-2003 ha svolto lezioni di archeologia nubiana ed etiopica nell’ambito dei moduli “spazio pubblico e spazio privato”, “arte ed artigianato” e “dallo scavo al museo” del Master in “Archaeological Ressources Management” organizzato da Stoà e dall’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”.
- Nell’a.a. 2003-2004 è stato docente nel modulo “Area dell’identità e della storia della multiculturalità” nell’ambito del corso “Long Life Learning in contesti multiculturali” e nel modulo “Le comunità arabo-islamiche” nel corso “Lingua e cultura araba”, per il progetto “Programma Integrato di Indagine, orientamento, Learning e Formazione”, P.O.R. Campania 2000/2006, Misura 3.8.
- Nel novembre 2004 e novembre 2006 ha avuto un incarico di addestramento del personale del National Museum, Asmara (Eritrea) alla metodologia e applicazione di sistemi GIS (Geographic Information Systems) finalizzate alla ricerca archeologica e gestione del patrimonio culturale nell’ambito del progetto Cultural Assets Rehabilitation Project (CARP) della World Bank.
- Dal 1999 svolge attività seminariale su argomenti di protostoria etiopica e nubiano-sudanese nell’ambito del corso di “Archeologia e Antichità Etiopiche”, Facoltà di Lettere e Filosofia, Istituto Universitario Orientale (ora Università di Napoli “L’Orientale”).
- Dall’a.a. 2000-2001 è cultore della materia di “Archeologia e Antichità Etiopiche” Facoltà di Lettere e Filosofia, Istituto Universitario Orientale (ora Università di Napoli “L’Orientale”).
- A partire dall’a.a. 2004-2005 organizza seminari nell’ambito delle attività didattiche integrative del Dottorato in Africanistica e delle Facoltà di Lettere e Filosofia e di Studi Arabo-islamici e del Mediterraneo dell’Università di Napoli “l’Orientale”.
- Negli a.a. 2004-2005, 2005-2006, 2006-2007 e 2007-2008 è stato docente a contratto incaricato di seminari di archeologia ambientale dell’Africa nordorientale e di archeologia egiziana, nubiano-sudanese ed etiopica nell’ambito dei corsi di “Ecologia preistorica” e “Protostoria extraeuropea” tenuti dalla prof. C. Pepe, Istituto Universitario Suor Orsola Benincasa, Napoli.
- Negli a.a. 2002-2003, 2003-2004, 2004-2005, 2006-2007, 2007-2008 professore a contratto di “Antichità nubiane” Facoltà di Lettere e Filosofia, Istituto Universitario Orientale (ora Università di Napoli “L’Orientale”).
- Nell’a.a. 2005-2006 professore a contratto di “Archeologia e antichità etiopiche” Facoltà di Studi Arabo-islamici e del Mediterraneo, Università di Napoli “L’Orientale”.
- Nell'a.a. 2010-2011 docente di "Antichità nubiane" nel Master di primo livello Egittologia: metodologie e nuove tecnologie, Università di Nepoli "L'Orientale".
- Dal 1 ottobre 2008 affidatario degli insegnamenti di “Antichità nubiane” e “Antichità della Nubia cristiana” (settore scientifico disciplinare L-OR/02) presso la Facoltà di Studi Arabo-islamici e del Mediterraneo dell’Università di Napoli “L’Orientale”.
- Dal  2008 membro del collegio dei docenti del Dottorato di Ricerca sul Vicino Oriente Antico, Università degli Studi di Napoli "L'Orientale".
- Dal  2010 membro del collegio dei docenti del Dottorato di Ricerca in Africanistica, Università degli Studi di Napoli "L'Orientale".

Altri incarichi di ricerca

- Ricerca, schedatura e relazione sul tema "Alimentazione e salute nella Roma di Cicerone (sulla base delle Verrinae)” (marzo-aprile 1996), nell’ambito della ricerca finanziata dal Consiglio Nazionale delle Ricerche presso il Dipartimento di Studi del Mondo Classico e del Mediterraneo Antico dell'Istituto Universitario Orientale di Napoli, coordinata dal prof. Luigi Gallo.
- Schedatura di passi greci e latini inerenti i culti ed i miti associati alle fonti di acque curative (gennaio-aprile 1998), nell’ambito della ricerca finanziata dal Consiglio Nazionale delle Ricerche presso il Dipartimento di Studi del Mondo Classico e del Mediterraneo Antico dell'Istituto Universitario Orientale di Napoli, coordinata dalla prof. Luigia Melillo Corleto.

Collaborazioni

- Istituto della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani, a partire dal dicembre 1998, per la redazione di voci enciclopediche e la sceneggiatura di opere multimediali nell’ambito dell’Enciclopedia Archeologica.
- Encyclopaedia Aethiopica, Harrassowitz Verlag, Wiesbaden per la redazione di voci enciclopediche.
- Consorzio ICoN, Italian Culture on the Net, a partire dall’aprile 2001, per la preparazione di materiale didattico relativo all’area disciplinare “Antichistica”.
- Paravia – Bruno Mondatori Editori, a partire dal novembre 2002, per la preparazione del manuale di storia antica “Le Domande della Storia” per le Scuole Superiori.
- I.R.R.E. della Basilicata come tutor nel progetto borsa per insegnanti di Istituti di Educazione Secondaria “Mamma li Turchi. La storia nella prospettiva interculturale” nell’anno scolastico 2002-2003.

- Dal 2008 rappresenta l'Unversità degli Studi di Napoli "L'Orientale" in seno alla redazione della Rassegna di Studi Etiopici.

Conferenze su invito

- "Lo Haddas, via di comunicazione dell'Etiopia antica", Museo di Storia Naturale di Milano, Centro Studi di Archeologia Africana, Milano, 8 ottobre 1996.
- “L’Etiopia e il Mondo mediterraneo: approcci quantitativi allo studio dei materiali importati rinvenuti a Bieta Giyorgis (Aksum), Centro Interdipartimentale di Servizio per l’Archeologia, Istituto Universitario Orientale, febbraio 1996.
- "Commercio lungo il Mar Rosso in epoca protostorica: una sintesi preliminare", Gruppo Archeologico Salernitano, Salerno, 15 gennaio 1997.
- "Commercio tra la Campania e il Mar Rosso in epoca tardo-ellenistica ed antico-imperiale", Gruppo Archeologico Salernitano, Salerno, 25 febbraio 1998.
- “La Nubia, corridoio tra Mediterraneo e Africa”, Fondazione Egittologica Claudia Dolzani – Università degli Studi di Trieste, Trieste 29 novembre 2004.
- “Il vino tra alimentazione e ideologia a Meroe e ad Aksum”, Seminario interdisciplinare “L’alimentazione nel Vicino Oriente Antico”, Dipartimento di Studi Asiatici, Dottorato di Ricerca “Vicino Oriente Antico”, Università di Napoli “l’Orientale”, Napoli 12 aprile 2005.
- “The Egyptians in the Red Sea. New data from Marsa Gawasis, a Nubian perspective, and future investigations”, Department of Ancient Egypt and the Sudan, British Museum, Londra 24 settembre 2008.
- "Ricerche sulla Terra di Punt", Centro di Studi Papirologici e Cattedra di Egittologia, Università degli Studi del Salento, Lecce, 19 marzo 2009.
- “GIS. A Technological Tool for the Exploration of the Eastern Desert", Centro Archeologico Italiano, workshop Italian-Egyptian Project on the Eastern Desert between Wadi Hammamat and Mons Claudianus, Cairo 8 giugno 2011.
- “From the Sea to the Deserts. New Researches in Eastern Sudan”, Sackler Egyptological Colloquium , British Museum, Londra 2 agosto 2011.
- "The Aksumite pottery", workshop Arabia and the Red Sea after the Turning to the Common Era: Advancing the Saye of Art, Heidelberg 15 settembre 2011.

Premi ricevuti

- Premio della Fondazione Schiff Giorgini per l’effettuazione di ricerche archeologiche a Kassala (Sudan), 1999.
- Premio Giorgio Maria Sangiorgi per la storia e l’etnografia dell’Africa dell’Accademia azionale dei Lincei, 2003.

 Convegni e congressi

- 7th International Conference of the Society for Nubian Studies, Ginevra, settembre, 1990;
- Colloquio Arabia Antiqua, Istituto per il Medio ed Estremo Oriente, Roma, maggio-giugno 1991;
- 6th International Congress of Egyptology, Torino, settembre 1991.
- International Symposium "Interregional Contacts in the Late Prehistory of Northeastern Africa", Dymaczewo, presso Poznan, Polonia, settembre 1992.
- 8th International Conference of the Society for Nubian Studies, Lille, settembre 1994.
- Incontro sulla ripresa delle attività archeologiche in Eritrea dedicato alla memoria di Vincenzo Franchini, Milano, febbraio 1996.
- 13th Biennial Conference of the Society of Africanist Archaeologists, Poznan, settembre 1996.
- 3rd Academic Conference of Orbis Aethiopicus, Gniew, settembre 1997.
-15th Biennial Conference of the Society of Africanist Archaeologists, Cambridge, luglio 2000.
- Italy-United States Workshop “The Reconstruction of Archaeological Landscapes through Digital Technologies”, Boston, novembre 2001.
- 10th International Conference of the Society for Nubian Studies, Roma, settembre 2002.
- Workshop su Archeologia e Sviluppo, Padova, luglio 2003.
- Tokens.
Giornata di Studio, Napoli maggio 2004.
- 10th International Conference of Meroitic Studies, Parigi, settembre 2004.
- Red Sea Project II Conference. People of the Red Sea, The British Museum and The Society for Arabian Studies, Londra, ottobre 2004.
- 11th International Conference of the Society for Nubian Studies, Varsavia, 27 agosto-2 settembre 2006.
- History and language of the Tigre-speaking peoples, Napoli, Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”, 7-8 febbraio 2008
- Primo Convegno Napoletano di Egittologia, Napoli, Associazione Napoletana di Studi Egittologici, Napoli, 18-20 giungo 2008.
- 19th Biennial Conference of the Society of Africanist Archaeologists, Francoforte sul Meno, Johann Wolfgang Goethe Universitaet, 8-11 settembre 2008.
- Red Sea Project IV Conference, Conneceted Hinterlands, Southampton, The University of Southampton and The Society for Arabian Studies, 25-26 settembre 2008.
- Dal deserto al mare. Il paesaggio antico in Egitto. Giornata di Studio, Roma, Università degli Studi “La Sapienza”, 15 marzo 2010.
- Giornata di Studi sull’Etiopia antica (relatore e organizzatore), Napoli, Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”, 18 marzo 2010
- Giornata Internazionale di Studi sull’Eritrea, Napoli, Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”, 12-13 maggio 2010.
- 12th International Conference for Nubian Studies, Department of ancient Egypt and the Sudan, The British Museum, Londra 2-6 agosto 2010.
- Red Sea Project V Conference, Navigated Spaces, Connected Places, Exeter, The University of Exeter and the Society for Arabian Studies, 16-19 settembre 2010.
-Conferenza di Studi Africanistici, Studi Italiani sull'Africa a 50 Anni dall'Indipendenza, Napoli, Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”, 30 settembre - 2 ottobre 2010.
- Workshop “La comunicazione tra visualità e scrittura: approcci e contesti a confronto”, Napoli, Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”,15 aprile 2011.
- Giornata di studi "I profumi nel mondo antico. Produzione, commercio e valori simbolici", Napoli, Università degli Studi di Napoli "L'Orientale", 6 giugno 2011. 

Istituzioni e Società Scientifiche

E’ membro delle seguenti Istituzioni:

- International Society for Nubian Studies (dal 1990);
- Arabia Antiqua (dal 1991);
- Forum for African Archaeology (dal 1993);
- Society of Africanist Archaeologists (dal 1996);
- Istituto Italiano per l’Africa e l’Oriente (dal 1999);
- International Group of Study on the Eastern Desert Ware (dal 2002);
- The Sudan Archaeological Research Society (dal 2006)
- Centro Ricerche sul Deserto Orientale (dal 2011).



pix_trasprente

© Copyright Università degli Studi di Napoli "L'Orientale"