Home Page Docenti
pix_trasprente
Portale UniorHome PageAggiungi pagina ai preferitiWeb MailStampa la pagina
pix_trasprente
   Italiano - English  pix_trasprente
  A+  pix   a-  
pix_trasprente

  Gestione pagine personali docenti

Per gestire la propria pagina personale, gli avvisi in bacheca, i contenuti relativi a insegnamenti, curriculum vitae, pubblicazioni, collaborazioni, temi e link di ricerca.


pix_trasprente
Pagina personale

Curriculum e ultime pubblicazioni del prof. Giuseppe Camodeca Il prof. Giuseppe Camodeca è ordinario di Storia Romana ed Epigrafia Latina presso il Dipartimento di Studi del Mondo Classico della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Napoli L’Orientale dal 1994; ha prima insegnato nelle Università di Salerno (Storia Romana) e di Napoli ‘Federico II’ (Storia amministrativa romana; poi Epigrafia e Papirologia giuridica). Socio ordinario della Società Nazionale di Scienze, Lettere e Arti in Napoli, sezione di Archeologia; socio corrispondente della Pontificia Accademia Romana di Archeologia; membro dell’Academia Europaea (London). Direttore del Centro Interdipartimentale di Studi sul documento antico ‘V. Arangio-Ruiz’ dell’Università di Napoli Federico II. Fa parte del Comitato organizzatore del Progetto internazionale di schedatura informatica delle epigrafi dell’Italia romana (EDR-EAGLE). È autore di circa 150 titoli scientifici e 5 volumi, fra cui spiccano i due tomi dell’edizione (L’archivio puteolano dei Sulpicii, Napoli 1992; Tabulae Pompeianae Sulpiciorum I-II, Quasar ed., Roma, 1999) dell’importante archivio puteolano di tavolette lignee cerate dei Sulpicii, banchieri a Puteoli in età claudio-neroniana, ritrovato nel 1959 in loc. Murecine a Pompei. Ha ora in avanzata fase di elaborazione un’opera analoga per le numerose tabulae ceratae degli archivi ercolanesi, la cui prima edizione si è dimostrata incompleta e in molti casi inaffidabile, pur se redatta da studiosi del calibro di G. Pugliese Carratelli e V. Arangio-Ruiz; numerosi contributi su questo tema (una trentina) sono stati già stati pubblicati. Fra i suoi interessi scientifici si distingue fin dall’inizio un filone di studi teso alla ricostruzione delle vicende storiche, della topografia, della demografia e prosopografia di Puteoli romana, tema cui ha dedicato numerosissimi lavori e sul quale sta preparando un ampio volume monografico. Sta inoltre curando l’edizione dell’immenso patrimonio epigrafico di Puteoli (più di 2000 testi), fondamentale base per qualsiasi ricostruzione storica su questa grande città, porto di Roma. Nel 1977 ha con altri fondato la rivista Puteoli. Studi di Storia Antica, della quale è stato curatore e capo-redattore fino all’ultimo volume, uscito nel 1991, una rivista che ha lasciato un segno durevole negli studi storico-archeologici dei Campi Flegrei, riconosciuto a livello internazionale. Oltre che per Puteoli, sta preparando l’edizione dei corpora epigrafici di alcune città romane della Campania nell’ambito della collana dei ‘Supplementa Italica’, editi a cura dell’Unione Accademica Nazionale: in particolare quelli di Allifae, di Nola, di Cumae, di Misenum, di Liternum. Inoltre è incaricato della pubblicazione delle iscrizioni paleocristiane di Nola-Cimitile (oltre 200 pezzi), affidatagli dalla Commissione Nazionale delle Inscriptiones Christianae Italiae (ICI). Nel 2000 è finalmente apparso dopo anni di preparazione anche il vol. I del Catalogo delle Iscrizioni latine del Museo Nazionale di Napoli (ILMN), pp. 400, edito in collaborazione con il prof. H. Solin dell’Università di Helsinki, dedicato alle iscrizioni di Roma e del Latium (ca. 670), in massima parte appartenenti alle collezioni Borgia e Farnese; esso costituisce il primo di quattro volumi previsti, attualmente in preparazione. Inoltre si è occupato anche delle vicende delle istituzioni amministrative romane, ricostruite con il fondamentale apporto della documentazione epigrafica, spesso inedita o mal edita (carriere senatorie ed equestri, curatores rei publicae, iuridici per Italiam, consulares e correctores tardoimperiali). Infine ha dedicato numerosi studi alla ricostruzione dei ceti dirigenti di rango senatorio ed equestre dell’Italia meridionale in età romana, un importante tema di storia sociale e di prosopografia in precedenza sostanzialmente inesistente (è appena apparso un primo volume: I ceti dirigenti di rango senatorio equestre e decurionale della Campania romana, I, Napoli 2008, pp. 450). Ha partecipato o diretto numerosi progetti di ricerca nazionali (COFIN, CNR) o internazionali (Raphael).

 

Pubblicazioni degli ultimi quattro anni 2005-2009: Monografia I ceti dirigenti di rango senatorio, equestre e decurionale della Campania romana I, Napoli 2008, pp. XI-420. Articoli L’attività dell’ordo decurionum nelle città della Campania dalla documentazione epigrafica, in Atti Coll. EMIRE, Paris 29-30 nov. 2002, in Cah. Glotz 14, 2003 [ma 2005], 173-186. Altre considerazioni sull’archivio dei Sulpicii e sull’edificio pompeiano di Moregine, in Ricerche a Moregine, Napoli (Loffredo) 2005, 23-41. Graffito con conto di infornata di sigillata tardo-italica da Isola di Migliarino (Pisa), in Territorio e produzioni ceramiche. Paesaggi, economia e società in età romana, Atti Conv. Intern. Pisa 20-22 ott. 2005, Pisa (Ed. Plus, Univ. Pisa) 2006, 207-216. Dittici e trittici nella documentazione campana (8 a. C. – 79 d. C.), in Eburnea Diptycha. I Dittici nell’antichità e medioevo (a cura di M. David), Bari Edipuglia 2007, 79-107. La prassi giuridica municipale: il problema dell’effettività del diritto romano, in Atti Seminario CEDANT ‘Gli statuti municipali’, Pavia 2006, 515-549. La carriera e la famiglia del senatore M. Aedius Ba[lbus?], per commendationem Ti. Caesaris Augusti consul ab Senatu destinatus, in Scritti in on. F. Grelle, Bari 2006, 27-37. Cittadinanza romana, Latini Iuniani e lex Aelia Sentia: alcuni nuovi dati dalla riedizione delle Tabulae Herculanenses, in Tradizione romanistica e Costituzione, per i 50 anni della Corte Costituzionale, 1, Napoli 2006, 887-904. Cura secunda della tabula cerata londinese con l’emptio venditio della puella Fortunata, in Zeitschr.Pap.Epigraphik 157, 2006, 225-230 La società ercolanese alla luce della riedizione Tabulae Herculanenses. L’élite municipale fra Claudio e Vespasiano: un’oligarchia ritrovata, in Ostraka 15, 2006, 9-29. Per una riedizione dell’archivio ercolanese di L. Venidius Ennychus II, in CErc. 36, 2006, 187-209. Sulle proprietà senatorie in Campania con particolare riguardo al periodo da Augusto al III secolo, in Cahiers Glotz 16, 2005 [2006], 121-137. L’evoluzione della forma dei documenti giuridici romani alla luce della prassi campana, in Studi in onore di L. Labruna, 2, Napoli 2007, 617-637. Magistrati municipali e datio tutoris dalla riedizione delle Tabulae Herculanenses, in RendPontAccArch. 79, 2006-7, 57-81. Il giurista L. Neratius Priscus, cos. suff. 97: nuovi dati su carriera e famiglia, in SDHI 73, 2007, 291-311. Due nuovi senatori di III secolo da Nola, in AIONArchStAnt. n. s. 13-14, 2006-7, 299-311. Il primo frammento dei Fasti Teanenses e la colonia augustea di Teanum, in Atti Convegno ‘Forme di aggregazione nel mondo romano’, Ischia apr. 2006, Bari 2007, 167-189. Una inedita Tabula Herculanensis dell’ottobre 66: confische, ornamenta quaestoria e la repressione della coniuratio Viniciana, in Rend. Acc. Archeol. Napoli 74, 2006-7, 413-429. Due nuove iscrizioni cristiane da Puteoli, in Vetera Christianorum 44, 2007, 5-12. Cura secunda di un decretum decurionale puteolano in onore di un cavaliere di età traianeo-adrianea (AE 1956, 20), in Atti Coll. EMIRE, Paris 4-5 nov. 2005, in MEFRA 119, 2007, 351- 362. Una nuova iscrizione senatoria di metà III secolo da Beneventum, in Studi in onore di S. Panciera, Roma ott. 2006, Roma 2007, 937-954. Nuove testimonianze sull’élite puteolana di tardo II secolo: Manlii Egnatii, Nemonii, Sempronii, in Oebalus 2, 2007, 101-121. Ancora sulle iscrizioni dal sepolcreto prediale dei Fadieni (Gambulaga, FE), in Ostraka 16, 2007, 475-481. I curatores rei publicae in Italia: note di aggiornamento, in Le Quotidien municipal dans l’Occident romain, Atti Conv. EMIRE Clermont-Ferrand oct. 2007, Clermont-Ferrand Presses Univ. 2008, 507-521. Un decretum decurionum del 129 de decernendis ornamentis decurionalibus, in Index 36, 2008, 585-591. La popolazione degli ultimi decenni di Ercolano (in app.: Nuova edizione degli albi epigrafici), in Ercolano. Tre secoli di scoperte, Electa Napoli 2008, 86-103 La carriera di un nuovo praefectus annonae in un’inedita iscrizione puteolana, in Atti XV Rencontre epigr. Paris 3-4 ott. 2008, in MEFRA 121, 2009, c. d. st. Evergeti ad Ercolano. Le iscrizioni di dedica del tempio di Venere, Accad. Pontif. Archeol. 27 nov. 2008, in RendPontAccArch 81, 2008-9, 247-267 Gli archivi privati di tabulae ceratae e di papiri documentari a Pompei ed Ercolano: case, ambienti e modalità di conservazione, in Vesuviana 1, 2009, 17-42 Delatores, praemia e processo senatorio de maiestate in una inedita Tabula Herculanensis di età neroniana, in SDHI 75, 2009, 383-404. Le città della Campania nella documentazione epigrafica del tardo III-IV secolo, in Atti Convegno STAIM 2, Foggia maggio 2006, Bari 2009, c. d. st. L’élite municipale e il patrimonio epigrafico latino di Cuma romana. Parte prima, in Atti Conv. La Campania antica e l’epigrafia, Ist. St. Fil. Napoli 4 dic. 2008, Napoli 2009 c. d. st. Carriera e biografia politica del giurista P. Iuventius Celsus, in Scritti in mem. di L. Amirante, Napoli 2010.



pix_trasprente

© Copyright Università degli Studi di Napoli "L'Orientale"